Corverde 'News on the net!' diffusione e rilancio di notizie, fatti, interviste, eventi e comunicati

Chi siamo

Informazioni

Registrazione

Redazione

Notizie

Archivio 2013

Archivio 2012 Archivio 2011 Archivio 2010

Archivio 2009

Archivio 2008

Archivio 2007

Archivio 2006

Prendi il link alle news gratis

Corverde

Previsioni del Tempo

FAQ

Copyright e Note Legali

Mail

Copyright 2004 - 2011 Correre nel verde All Rights Reserved

Network:

Corverde

Correre nel Verde

Correrenelverdeonline

Esserci

Ideale Sociale

In Mente

Italian Global Project

Cnvnews

Cnvpress

Mediawebnews

Correrenelverde.org

Correrenelverde.net

Seguici su facebook


 


 

clicca questo link se vuoi accedere alle notizie dell'Archivio di Corverde 2006

 

 

Motore di ricerca

Google

web

questo sito

 

MILANO: CON IL PATROCINIO CAI PRESENTATO L’"ATLANTE OROGRAFICO DELLE ALPI"

ATLANTE OROGRAFICO DELLE ALPI - SOIUSA (Suddivisione orografica internazionale unificata del Sistema Alpino)", di Sergio Marazzi, Quaderni di cultura alpina/Priuli & Verlucca editori, 2006

Un volume innovativo con un ricchissimo compendio cartografico e illustrativo, che  offre a tutti la possibilità di conoscere la nuova proposta che dopo ottanta anni cambia la "sistematizzazione" orografica delle Alpi alla luce dell’attuale letteratura geografica alpina europea, realizzata da Sergio Marazzi con il patrocinio del Club alpino italiano.

Il 23 gennaio 2006 potrebbe entrare nella storia, almeno in quella delle Alpi, come il giorno della prima europeizzazione della nomenclatura e classificazione dell’intera catena. L'obiettivo dell'opera, che ha già ricevuto l'apprezzamento e il consenso da parte di numerosi studiosi ed accademici di alcune università italiane e d’oltralpe, oltre a quello di fungere da chiave di lettura della complessa orografia delle Alpi mediante un’analisi dettagliata dei raggruppamenti montuosi e l’ausilio di un’appropriata cartografia, è anche quello di superare le incongruenze e i contrasti esistenti tra le diverse suddivisioni alpine nazionali.

Il volume presenta quindi il superamento delle tradizionali sezioni alpine della "Partizione delle Alpi", articolata su 3 parti, 26 sezioni e 112 gruppi, introdotta in Italia nel lontano 1926 dal Comitato Geografico Nazionale e ormai obsoleta e soprattutto non corrispondente a quella dei paesi alpini confinanti. Di qui lo sforzo da parte di Sergio Marazzi, realizzato col patrocinio del Club alpino italiano, di costruire con anni di ricerche e di studi una nuova suddivisione orografica, articolata ora su 2 parti (Alpi Occidentali e Alpi Orientali), 36 sezioni e 132 sottosezioni, nella quale le Alpi assumono finalmente il ruolo di sistema montuoso "europeo".

"La vocazione dell’uomo di dare un nome a ciò che lo circonda e di stabilire regole classificatorie tali da trasformare il disordine naturale in ordine culturale segna il cammino della civiltà e della cultura sin dalle origini – scrive il Presidente generale del Club alpino italiano Annibale Salsa – lo spazio delle Alpi – è bene ricordarlo sempre – costituisce un territorio intrinsecamente transfrontaliero e sopranazionale. Il limite e il ritardo nella presa di coscienza, da parte dei popoli alpini, di una comune appartenenza territoriale è anche dovuto alle modalità culturali con cui gli studi sulle alpi sono stati affrontati in passato. Modalità che hanno penalizzato quella visione dell’intero senza la quale la dimensione locale diventa localismo settoriale e quella globale diventa globalismo anonimo e sradicato".

"Le Alpi, ha ribadito l’autore, Sergio Marazzi, assumono finalmente il ruolo di sistema montuoso europeo, adottando una gerarchia di sistematizzazione piramidale che è molto più semplice e vicina alla realtà di quanto possa sembrare a prima vista".

Adottando un uniforme criterio morfologico-altimetrico-alpinistico, per la prima volta si è così ottenuta un’armonica fusione dei raggruppamenti della partizione delle Alpi, aggiornata con quelli francesi delle Alpi Occidentali, con quelli svizzeri delle Alpi Centrali e con quelli austriaci, tedeschi e sloveni delle Alpi Orientali.

Alla presentazione di Lunedì 23 gennaio 2006, che avviene all’interno del ciclo "Leggere la Montagna" organizzata dalla Biblioteca Nazionale del Cai, hanno partecipato, Annibale Salsa, Presidente generale del Club alpino italiano, l’autore, Sergio Marazzi, l’editore, Luca Priuli, e il direttore de La Rivista/Lo Scarpone del Cai, Pier Giorgio Oliveti.

Ufficio Stampa Club Alpino Italiano

 

 

 

 

 

Pubblicità
Pubblicità

Redazione Corverde

Crea il tuo badge

leggi o scarica gratis la nostra rivista mensile Correre nel verde

Clicca qui!

clicca questo box e leggi altre notizie su Correrenelverdeonline!